Quelli del SeD

Forum

Vai alla versione mobile del sito!

Visualizza...

Parrocchia

Visualizza la pagina dedicata alla nostra parrocchia

Visualizza...

Gallery

Ut sagittis ultrices urna eget erat non purus

Visualizza l'intera galleria di immagini del SeD

Visualizza...

Videogallery

Visualizza tutti i video dei ragazzi del SeD

Visualizza...

QuellidelSeD

Serata Libeccio



L’ATTACCO DELLA COMPAGNIA DELLE INDIE
Protagonista: UGO I
Personaggi:
Ciurma “Falmouth”
Ciurma “Semataki Tucido”
Ciurma “Spidy Cozzala”


Trama: L’ ammiraglia Falmouth era una nave da trasporto della compagnia delle indie. La compagnia delle indie era un’organizzazione che esercitava il controllo commerciale su tutti i mari. Il compito della Falmouth, nel nostro racconto, è quello di trasportare delle bevande alcoliche essenziali per la riuscita della “Sagra del Bordello”, che quell’anno si sarebbe dovuta tenere a “Portofico”. L’equipaggio della Falmouth era pieno di uomini di ogni genere. Uno di questi è il protagonista della nostra storia: Ugo I, avo del giovane ingegner Ugo Fantozzi.
La rotta per raggiungere “Portofico” era piena di pericoli. Infatti incontrarono sul loro cammino una nave nemica giapponese: la “Semataki Tucido”. L’ equipaggio della Falmouth, però, riesce a sconfiggere la “Semataki …” e continua il suo viaggio.

A bordo della Falmouth Ugo I veniva preso in giro e sfruttato dal resto dell’equipaggio. Sulla Falmouth era abitudine giocare a bowling sul ponte superiore. In quel momento Ugo I era intento a lavare proprio il ponte superiore e, mentre un membro dell’equipaggio stava per effettuare il suo lancio, Ugo I scivola e finisce sul campo da bowling facendo strike. Passati un po’ di giorni l’equipaggio della Falmouth sente urla e schiamazzi provenire da una nave che si avvicinava a tutta velocità contro la Falmouth. Il nome della nave era la “Spidy Cozzala”. L’equipaggio era formato da contadine del mercato generale di bari che per caso si trovavano a bordo della nave. Dopo fischi urla e un combattimento feroce la Falmouth esce vittoriosa dallo scontro e dopo vari giorni di viaggio riesce finalmente a raggiungere “Portofico” e a portare a termine la sua missione.






 
comments powered by Disqus
"Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando ad utilizzare il sito, cliccando sui contenuti o semplicemente scrollando, accetti l'utilizzo dei cookie.
I Cookie utilizzati sono i cosidetti "Cookie di terze parti", legati all'utilizzo ei bottoni social, ma NON utilizza in alcun modo cookie di profilazione.
Per maggiorni informazioni visita questa pagina e per visualizzare le nostre informative clicca qui" OK
     
"Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando ad utilizzare il sito, cliccando sui contenuti o semplicemente scrollando, accetti l'utilizzo dei cookie.
I Cookie utilizzati sono i cosidetti "Cookie di terze parti", legati all'utilizzo ei bottoni social, ma NON utilizza in alcun modo cookie di profilazione.
Per maggiorni informazioni visita questa pagina e per visualizzare le nostre informative clicca qui" OK
ACCETTO       NON ACCETTO
ACCETTO       NON ACCETTO

Lorem ipsum ...

* { margin: 0; padding: 0; } body { font-family: Verdana, sans-serif; font-size: 14px; } p { margin: 20px; } #footer_bar { width: 100%; /* posizionamento in fondo alla pagina */ position: fixed; bottom: 0; overflow: hidden; } #bar_container { background: #FAA53A; margin: 0 auto; width: 900px; height: 35px; overflow: hidden; } #bar_container ul { list-style: none; } #bar_container ul li { float: left; width: 150px; text-align: center; } #bar_container ul li a { color: white; display: block; font-weight: bold; padding: 10px 0; text-decoration: none; width: 150px; } #bar_container ul li a:hover { background-color: #F68529; } *

Il blog che si sta visitando utilizza cookies, anche di terze parti, per tracciare alcune preferenze dei visitatori e per migliorare la visualizzazione.

fai click qui per leggere l’informativa

e qui per l’informativa del gestore. Lascia questo sito se non sei d’accordo o clicca su OK, qui in basso a destra, per proseguire la navigazione

►OK◄

* => Vuoi anche tu una pagina web gratis? Clicca qui! <=